fbpx

FACEBOOK, L’HO FATTO! INSTAGRAM, CE L’HO!

Facebook, l’ho fatto! Instagram, ce l’ho! Il sito, fatto! TikTok, ci sto pensando! Però non succede nulla, vero? O per lo meno non riesci a capire se quel post su Facebook o su Instagram abbia convertito in una vendita o se qualcuno ti ha contattato dal sito.

Facebook, l’ho fatto!

Instagram, ce l’ho!

Il sito, fatto!

TikTok, ci sto pensando!

Però non succede nulla, vero? O per lo meno non riesci a capire se quel post su Facebook o su Instagram abbia convertito in una vendita o se qualcuno ti ha contattato dal sito.

Eppure hai dato tutto in mano a tuo cugino o a tua nipote che ha più di 45000 follower su Instagram ed è una campionessa nel prendere like ogni foto.

Hai fatto le magliette nuove le hai pubblicate sui social e ne hai vendute 4, 7, 16 26? Come? Ne hai fatte fare 150 e ora non sai più che farne?

Hai provato ad abbassare il prezzo di vendita, ma non succede nulla e ce l’hai tutte sul groppone?

Eppure il tuo Social Media Manager ha detto che ha fatto tutto il possibile, hai anche preso 57 like sull’ultima foto, ma ci fosse stato uno che ti avesse scritto per acquistarne una.

Ti ritrovi in quello che ho descritto o è solo una mia fantasia?

Se è solo una mia fantasia, fermati qui e non andare avanti, ma se ti sei ritrovato in un paio di cose che scritto, vai avanti perché potrebbe essere interessante.

Ti è mai capitato di vedere un post su Facebook o su Instagram ed essere interessato all’acquisto?

E perché lo hai visto proprio tu e in quel momento, te lo sei mai chiesto?

Quante volte mi sono trovato in questa situazione, quante volte ho dovuto ascoltare un mio cliente o gruppi di imprenditori che affidavano la loro riuscita nel fatturato alla “visibilità” sui social.

In passato, ogni volta che mi avvicinavo ad un “prospect” (possibile acquirente) sembrava che il loro problema principale fosse Facebook, Instagram.

-”Non lavoro perché non sono visibile su Instagram!”, “Facebook, poca roba, quando posto una foto prendo pochi mi piace”, “Facebook ormai è morto (se solo lo sapeste usare, è una delle più grandi fonti di guadagno che esistono ed è alla portata di tutti)”, “Mi fate prendere 5000-10000 follower al mese?” “Voglio più like!” “Usiamo le influencer?”

Dimmi la verità , un pochino ti ritrovi in queste frasi, vero?

Premettendo che per fare un buon lavoro sui social, bisogna fare un ottimo lavoro sui contenuti e i contenuti fatti da un professionista costano.

Ah…contenuti sui social: foto, video, grafiche, ecc

E tutto quello che si posta deve avere un senso.

Ma non voglio soffermarmi su come si usano i social e su quanto business avrei potuto creare con i social media e i vari Social Media Manager.

E quanti lo stanno facendo!

Ci sono piccole aziende che buttano nel cesso vagonate di soldi per darli ai SMM e la maggior parte di quest’ultimi non fanno altro che postare foto, mettere una frasetta di copy e i famigerati hashtag.

Non nascondo che questo tipo di lavoro l’ho fatto anch’io o meglio affidavo la parte dei social ai miei collaboratori che se ne occupavano al meglio delle loro competenze.

Era il boom dei social media, l’esplosione di Instagram, gli influencer, le influencer.

E mi chiedevano di seguire questi social e io li seguivo o per lo meno li facevo seguire da ragazzi molto in gamba.

Ma il mio obiettivo era quello di far capire all’imprenditore che avere Instagram bello o un Facebook bello senza una strategia di marketing sarebbe servito a poco.

Ci sono degli imprenditori che hanno solo la pagina Facebook o Instagram e che credono sia il massimo del marketing.

Tempo fa, e qualche mio collega me lo conferma tutt’ora, ho trovato delle persone che erano convinte (e tante lo sono tutt’ora) che i social hanno soppiantato i siti.

Non solo, alcune di queste persone hanno un’azienda e vogliono vendere online.

Ci si fa consigliare dall’amico, dal nipote, dal cugino, ecc.

MAAAAI DA QUALCUNO PIÙ ESPERTO DEL SETTORE.

Capite che ci sono problemi di fondo? Problemi di base?

Mi accorgo sempre più che si parla per sentito dire e a sproposito.

E COSA PORTA TUTTO QUESTO?

Che poi si sceglie di agire nella maniera peggiore e al minor prezzo possibile, senza una strategia di marketing che funziona. Senza un sistema di fidelizzazione e acquisizione clienti che duri nel tempo.

E non importa che tua sia un dentista, un gioielliere, un macellaio, un avvocato o un tatuatore.

Oggi! In questo periodo, se non hai una buona strategia di marketing sarà molto difficile che tu possa migliorare il tuo fatturato se non impossibile.

E potrai dare la colpa allo stato, ai clienti che non capiscono una mazza, ai tuoi concorrenti che fanno il prezzo più basso. Potrai dare la colpa a chi vuoi, anche se, un piccolissimo esame di coscienza io me lo farei.

Certo è che se la tua strategia di marketing è aprire il negozio la mattina e uscire a fumare la tua sigaretta postando ogni tanto una foto su Instagram…

Bene!

Oppure, se la tua strategia è quella di lamentarti con il tuo vicino di negozio ché la gente non entra perché compra da Amazon…bene!

E se la tua strategia è quella di aspettare e di attendere che le cose cambino con  il politico giusto che taglia le tasse a tutto e tutti con un tocco di bacchetta magica…bene! Anzi benissimo!

Perché se effettivamente la tua strategia è questa e questa sarà nel tuo futuro, fermati! Non andare avanti a leggere.

Se invece sei curioso di scoprire come la tua azienda, come il tuo lavoro potrebbe farti fatturare ancor di più e sei consapevole che di marketing ne capisci poco o niente allora ti consiglio di seguirmi sul Gruppo Privato Facebook L’imprenditore è un pazzo .

La pazzia, quella seria

 

Mauro Bruno

Ascolta anche su:


Spreaker


Google Podcast


Apple Podcast


Spotify

Fai il salto di qualità!

Iscriviti alla newsletter per ricevere consigli pratici per la tua attività.

Leave a Reply